18 Novembre 2017
[]

Gestione del Territorio

La riqualificazione della Sfagneta delle Pianore

Gestione Naturalistica
Sphagnum
Alle Pianore è presente un´area che può essere assimilata a una torbiera alta di sfagno, muschio di origine artica che può considerarsi un relitto delle epoche glaciali del Quaternario.
Le torbiere a sfagno della Toscana centro-settentrionale presentano, oltre a corteggi floristici tipici di ambienti montani o boreali, anche particolari specie relittuali che qui hanno trovato, per lo speciale microclima presente (caldo e umido), un habitat ideale per la loro sopravvivenza.

Si tratta, in primo luogo, della felce florida (Osmunda regalis L.), tipico elemento che, sulle Cerbaie e nella Toscana centro-settentrionale, contribuisce con lo sfagno a individuare una peculiarissima associazione vegetale che combina insieme un elemento artico di origine quaternaria con un elemento tropicale di origine terziaria.
Oltre alla felce florida, nella sfagneta de Le Pianore si rinvengono specie vegetali di assoluto pregio naturalistico come la soldinella acquatica (Hydrocotiye vulgaris L.), l´iperico americano (Hypericum mutilum L.) e la porracchia di palude (Ludwigia palustris (L.) Elliot). Queste ultime due, insieme a Osmunda e sfagno, sono inserite, fra l´altro, nell´Allegato C della L.R 56/2000 in qualità di specie d´interesse regionale.

L´osmundo-sfagneto infatti è un habitat dal carattere fortemente eliofilo che necessita delle opportune aperture in modo da consentire alle specie presenti di espletare al meglio il loro ciclo vitale. Nell´area in questione è presente, ad oggi, un complesso di elementi arborei e arbustivi che, per quantità e qualità, rischiano progressivamente di provocare effetti di soffocamento e aduggiamento tali da mettere a repentaglio lo sviluppo dell´habitat relitto. Il progetto prevede il decespugliamento e l´ asportazione della componente arbustiva in eccesso costituita da individui, ormai invasivi, di Ulex europaeus, Erica arborea, Pteridium aquilinum e altre essenze allo stato di cespugli, compresi i resti morti delle pteridofite presenti all´interno della sfagneta (Osmunda regalis e Pteridium aquilinum), in modo da liberare porzioni di terreno atte allo sviluppo del muschio e delle altre specie importanti.

Sono stati effettuati interventi finalizzati a ridurre il calpestio e l´eventuale eutrofizzazione (abbondanza di sostanze nutritive) ai quali la vegetazione delle paludi é molto sensibile.
Tra questi interventi: la realizzazione e la manutenzione di sentieri, di steccati di recinzione, di passerelle e l´apposizione di segnaletica che invita i visitatori a non abbandonare i sentieri tracciati per favorire il ruolo turistico, ricreativo e sociale dell´area.

L´area è un luogo unico caratterizzato da biotopi dall´indubbio valore sia naturalistico che didattico.

Grazie all´amministrazione del Comune di Santa Maria a Monte l´area è dal 2015 in uno stato di completo abbandono e questo dopo averci investito soldi pubblici e riuscendo ad evitare anche l´obbligatorietà di gestione a cui era sottoposta. Vergogna.

English version


In Pianore´s area we can find an active raised acid bog with prevalence of Sphagnum, a moss relict of the arctic-alpine environment of the last glacial period. In association with Sphagnum, there is a big population of royal fern (Osmunda regalis : a tropical fern that, thanks to the particoular habitat it has found, it can live and conservate in this area with a arctic relict. In Pianore´s acide bog there arealso many interesting plants, often protected by the directive 92/43/EEC and by regional law 56/2000 : Hydrocotiye vulgaris, Hypericum mutilum Ludwigia palustris .These kind of habitat and plants are strongly heliophilous so that all the trees and shrubs grown in the years damaged the survival of relict plants.
The works contemplated the scrub clearance of invasive gorse (Ulex europaeus), heath (Erica arborea) and adderspit (Pteridium aquilinum) to allow the regoular growth of the protected plants. To reduce the stamping and the human damaging, will be affixed little bridges and many panels illustrate the caratheristics of the place.

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]